Partecipa con la tua opinione ×

Scuola in sicurezza


L'avvio del nuovo anno scolastico rafforza la collaborazione istituzionale tra Aziende Sanitarie e Scuola. L'organizzazione della riapertura in sicurezza delle attività, chiama tutti gli attori in gioco ad una responsabilità diffusa nella lotta contro il COVID-19.

Dal 2020, la ASL Roma 1 ha istituito l'"équipe antiCovid-19 per le scuole" che coordinerà la gestione di casi e focolai di SARS-CoV-2 negli Istituti e nei servizi educativi del territorio di competenza, come previsto dalla nota della Regione Lazio U.0736775 del 28/08/2020.

Screening anti-Covid 19 per le scuole chiudi dettagli apri dettagli


Nel corso dell’anno scolastico verrà effettuato un monitoraggio della circolazione virale, attraverso la somministrazione di test molecolari o antigenici su campioni salivari (tamponi salivari), agli studenti di alcune scuole primarie e secondarie di primo grado individuate come “scuole sentinella”.

L’adesione degli studenti al monitoraggio è individuale, volontaria e gratuita. Il monitoraggio è condotto sia a livello nazionale, con il coordinamento dell’Istituto Superiore di Sanità, che a livello regionale. Nel Lazio, il piano prevede l’effettuazione di oltre 5.000 test salivari ogni 15 giorni.
Lunedì 20 settembre partono le attività di monitoraggio nelle 6 scuole "sentinella" individuate dalla ASL Roma 1 sul suo territorio.

La prima volta la raccolta del campione salivare è realizzata all’interno del plesso scolastico, con il supporto del personale sanitario della ASL. Dalla seconda volta, il campione dovrà essere raccolto a casa, consegnato alla scuola e ritirato dalla ASL.
Il campione verrà analizzato da uno dei laboratori di riferimento della ASL per l’esecuzione di un test molecolare o antigenico, che identifica la presenza del materiale genetico del virus SARS-CoV-2.

  • Come fare il test molecolare

Il campione viene raccolto facendo impregnare di saliva una spugnetta sterile per almeno 60 secondi.
Il prelievo deve essere effettuato appena svegli e a digiuno oppure a distanza di almeno 30 minuti dall’assunzione di cibo o bevande e dalla pulizia dei denti.

I risultati dei test negativi verranno comunicati il giorno successivo alla raccolta del campione al genitore/tutore legale attraverso SMS o via e-mail. In caso di test positivo, si verrà tempestivamente contattato telefonicamente dalla ASL ed il soggetto positivo dovrà essere posto in isolamento domiciliare e seguire le istruzioni del medico curante e dei servizi della ASL Roma 1, per i provvedimenti più opportuni del caso.

 

  • Come fare il test antigenico

Il campione viene raccolto facendo impregnare di saliva una spugnetta sterile per almeno 120 secondi. Il prelievo deve essere effettuato appena svegli e a digiuno oppure a distanza di almeno 30 minuti dall’assunzione di cibo o bevande e dalla pulizia dei denti.

I risultati dei test negativi verranno comunicati il giorno successivo alla raccolta del campione al genitore/tutore legale attraverso SMS o via e-mail. In caso di test positivo sarà eseguito un test molecolare di conferma (che identifica la presenza del materiale genetico del virus SARS Cov-2) sullo stesso campione di saliva, qualora la saliva prelevata fosse sufficiente. In caso di positività anche del test molecolare, si verrà contattati telefonicamente dalla ASL ed il soggetto positivo dovrà essere posto in isolamento domiciliare e seguire le istruzioni del medico curante e dei servizi della ASL Roma 1, per i provvedimenti più opportuni del caso.

I dati verranno registrati su una piattaforma aziendale della ASL Roma 1 (nome, cognome, data di nascita, residenza, telefono ed indirizzo di posta elettronica, ed eventuali sintomi riferibili a COVID‐19): le informazioni saranno utilizzate e trattate per motivi di interesse pubblico nel settore della sanità pubblica, esclusivamente per il periodo di tempo necessario alla gestione delle azioni utili a contrastare l’emergenza COVID‐19.

I campioni ed i dati saranno trattati e conservati nelle strutture deputate e non ceduti in nessun modo a terzi, in linea con il GDPR 2016/679, con il D. Lgs. 196/2003, come modificato dal D. Lgs 101/2018 e secondo le disposizioni specifiche in materia emergenziale (es. art. 14 del DL n.14 9/03/2020 e 17 bis del DL 18/2020 come introdotto dalla L. 27/2020 ss.mm.ii.).

Vaccinazione anti-Covid 19 chiudi dettagli apri dettagli


La vaccinazione è uno strumento importante di protezione per i ragazzi, per la famiglia e per la cerchia dei conoscenti.
A partire dai 12 anni l'accesso alla vaccinazione è garantito, su tutto il territorio regionale, per i ragazzi assistiti dal Servizio Sanitario Regionale (SSR) del Lazio, ovvero per tutti i coloro che sono assistiti da un pediatra o da un medico di medicina generale convenzionato con il SSR della nostra regione.
Clicca qui per prenotare.

 

Equipe anti-Covid 19 per le scuole chiudi dettagli apri dettagli

Nei sei distretti della ASL Roma 1 (coincidenti con il Municipio 1,2,3,13,14 e 15) opereranno le "équipe anti-Covid19 per le scuole” (referenti distrettuali e operatori sanitari del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica) che avranno cura di garantire la continuità e lo sviluppo della collaborazione e che saranno coinvolte nella gestione dei potenziali casi e focolai e nella sorveglianza attiva, con la collaborazione della Medicina Generale e della Pediatria di Libera Scelta.

Referenti Distrettuali:

Distretto 1

  • dott.ssa Rosella Di Rita – medico OSSB
  • dott.ssa Emanuela Maria Frisicale – medico OSSB (sostituto)
  • dott. Luigi Bottone – infermiere API
  • dott.ssa Laura Marangone – infermiere API (sostituto)

Distretto 2:

  • dott. Nevio Zagaria – Medico
  • dott.ssa Valentina Dugo – medico OOS (sostituto)
  • dott. Tiziana Magnante – Infermiere
  • dott.ssa Francesca Germini – infermiere API (sostituto)

Distretto 3:

  • dott. Paolo Ciarlantini – Medico OSSB
  • dott. Maddalena Lippolis -  Medico OSSB (sostituto)
  • dott.ssa Maria Pia Attianese – Infermiere API
  • dott.ssa Eliana Lammoglia – Infermiere  (sostituto)

Distretto 13:

  • dott. Alberto Filisio – Medico OSSB
  • dott. Ciro Amadio – Medico OSSB (sostituto)
  • dott. Massimo D’Angelo – Infermiere API
  • dott.ssa Mariana Kohut – Infermiere API (sostituto)

Distretto 14:

  • dott.ssa Fabiola Valentini – Medico OSSB
  • dott.ssa Marta Marino – Medico OSSB  (sostituto)
  • dott.ssa Claudia Parrilli – Infermiere API
  • dott.ssa Lorena Periproto – Infermiere API (sostituto)

Distretto 15:

  • dott.ssa Clara Marino – Medico OSSB
  • dott. Fabio de Angelis – Medico OSSB (sostituto)
  • dott. D’Aquanno Marco – Infermiere API
  • dott.ssa Alice Bruno – Infermiere API (sostituto)

 

COMPORTAMENTI CORRETTI A SCUOLA chiudi dettagli apri dettagli

È importante che gli studenti e le famiglie collaborino con la scuola mettendo in pratica i comportamenti utili a limitare la diffusione dell’infezione.

È necessario che tutti gli studenti delle scuole primarie, delle scuole secondarie di primo e secondo grado seguano le seguenti indicazioni per proteggere loro stessi e i propri compagni:

  • lavare correttamente e frequentemente le mani con acqua e sapone oppure con soluzione alcolica;
  • mantenere la distanza di sicurezza dagli altri di almeno un metro;
  • seguire le indicazioni della scuola sull'utilizzo della mascherina;
  • evitare contatti ravvicinati, strette di mano, baci e abbracci;
  • evitare gli assembramenti dentro e fuori dalla scuola;
  • evitare di scambiare con i compagni bottiglie d'acqua, penne e matite, libri ecc…;
  • evitare di toccare occhi, naso e bocca con le mani non lavate;
  • non scambiare le mascherine con i compagni.

In caso di starnuti o tosse:

  • coprire bocca e naso utilizzando i fazzoletti o, in mancanza d'altro, la piega del gomito;
  • eliminare il fazzoletto di carta nel più vicino raccoglitore di rifiuti;
  • praticare l'igiene delle mani subito dopo, con acqua e sapone oppure con soluzione alcolica;
Indicazioni per i genitori: cosa fare in caso di sintomi chiudi dettagli apri dettagli

I sintomi più comuni di COVID-19 nei bambini e nei ragazzi sono:
febbre, tosse, cefalea, sintomi gastrointestinali (nausea/vomito, diarrea), mal di gola, dispnea, mialgie, raffreddore/congestione nasale.

Nel caso in cui si manifesti uno di questi sintomi è raccomandato non andare a scuola, rimanere presso il proprio domicilio e contattare il proprio pediatra o medico di famiglia.

Cosa comunicare alla scuola:

  • le assenze per motivi di salute (anche se non legati al Covid-19);
  • avvertire il Referente Scolastico se l'alunno è stato dichiarato “contatto stretto” di una persona positiva al Covid-19 dal Servizio di Igiene della propria ASL. In questo caso non è consentito recarsi a scuola; è necessario seguire le disposizioni del proprio Medico per la quarantena;
  • in caso di minori, vanno indicate le persone da contattare nel caso in cui il proprio figlio manifesti sintomi di malessere a scuola (nomi, cognomi, telefoni fissi o cellulari, luoghi di lavoro e ogni ulteriore informazione utile).
     

Indicazioni per la riammissione a scuola dopo assenza:

  • Servizi educativi e scuole dell’infanzia
    Dopo assenza per malattia superiore a 3 giorni (senza conteggiare i giorni festivi finali e iniziali dell’assenza), la riammissione è consentita dietro presentazione di idonea certificazione del Pediatra di Libera Scelta o Medico di Medicina Generale attestante l’assenza di malattie infettive o diffusive e l’idoneità al reinserimento nella comunità educativa/scolastica.
     
  • Scuola dell’obbligo e scuola secondaria di secondo grado
    Dopo assenza per malattia superiore a 5 giorni (senza conteggiare i giorni festivi finali e iniziali dell’assenza), la riammissione è consentita dietro presentazione della idonea certificazione del Pediatra di Libera Scelta o Medico di Medicina Generale, secondo quanto disposto dalla Legge Regionale 22 ottobre 2018, n. 7.
     
  • In entrambi i casi sopracitati, le assenze rispettivamente superiori a 3 e 5 giorni, dovute a motivi diversi da malattia, potranno essere preventivamente comunicate dalla famiglia alla scuola/servizio educativo che, solo in questo caso, non dovrà richiedere il certificato per la riammissione.
     
  • Nel caso di alunni con infezione accertata da virus SARS CoV-2, i Pediatri di Libera Scelta e i Medici di Medicina Generale provvedono a fornire la certificazione necessaria per il rientro a scuola, ai sensi dell’Ordinanza 65/2020 e della DGR 17 novembre 2020, n. 852.
Indicazioni per le Scuole chiudi dettagli apri dettagli

In linea con le indicazioni del rapporto dell'Istituto Superiore di Sanità Covid-19 n.58 "Indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di SARS-CoV-2 nelle scuole e nei servizi educativi dell'infanzia", la collaborazione tra ASL e Scuola  è un elemento fondamentale per l'efficace messa in atto delle misure di prevenzione, contrasto  e controllo dell'infezione da virus SARS-CoV-2, nel contesto di una responsabilità condivisa e collettiva.

In tale ottica, tutti gli studenti ed il personale che mostrano sintomi compatibili con il COVID-19, devono essere testati  per il SARS CoV-2, in conformità alla strategia di test nazionali e le attuali linee guida per i test di laboratorio.

Quadro generale dei sintomi

Sintomi più comuni di COVID nei bambini: febbre, tosse, cefalea, sintomi gastrointestinali (nausea/vomito, diarrea), faringodinia, dispnea, mialgie, rinorrea/congestione nasale.

Sintomi più comuni nella popolazione generale: febbre, brividi, tosse, difficoltà respiratorie, perdita improvvisa dell’olfatto (anosmia) o diminuzione dell’olfatto (iposmia), perdita del gusto (ageusia) o alterazione del gusto (disgeusia), rinorrea/congestione nasale, faringodinia, diarrea.
 

Comportamenti da seguire a seconda dei casi
 

Alunno con sintomatologia a scuola

  • L’operatore scolastico segnala l'alunno con sintomatologia al Referente Scolastico COVID-19;
  • il Referente Scolastico chiama i genitori dell'alunno che devono contattare il Pediatra di Libera Scelta (PLS) o il Medico di Medicina Generale (MMG) per la valutazione clinica del caso;
  • l'alunno attende in area o stanza separata per l'isolamento assistito da Operatore Scolastico, entrambi con mascherina chirurgica. All'alunno viene misurata la temperatura corporea;
  • il Referente Scolastico Covid-19 contatta l’Equipe AntiCovid-19 Scuola ASL Roma 1;
  • l'Equipe si interfaccia con il referente scolastico, MMG/PLS e genitori per l'eventuale esecuzione del test diagnostico;
  • si esegue l'eventuale test diagnostico all’alunno con sintomatologia e si valuta l'indagine epidemiologica e contact tracing. 

 

Alunno con sintomatologia a casa

  • L’alunno resta a casa;
  • i genitori devono informare il Pediatra di Libera Scelta (PLS) o il Medico di Medicina Generale (MMG) e comunicare alla scuola l’assenza dello studente per motivi di salute;
  • il Pediatra di Libera Scelta (PLS), il Medico di Medicina Generale (MMG) e il Referente Scolastico contattano l’Equipe AntiCovid-19 Scuola ASL Roma 1;
  • l’Equipe si interfaccia con il Referente Scolastico, MMG/PLS e genitori per l'eventuale esecuzione del test diagnostico;
  • si esegue l'eventuale test diagnostico all’alunno con sintomatologia e si valuta l'indagine epidemiologica e contact-tracing.

 

 Operatore scolastico con sintomatologia a scuola

  • Assicurarsi che indossi la mascherina chirurgica e che si rechi in un’area o stanza separata per l’isolamento;
  • l'Operatore Scolastico contatta il Referente Scolastico e il proprio Medico di Medicina Generale (MMG);
  • il Referente Scolastico contatta l’Equipe Anticovid-19 Scuola ASL Roma 1;
  • l’Equipe si interfaccia con il Referente Scolastico e MMG, indicando le modalità di esecuzione eventuale di esame diagnostico e gestione dei contatti.
     

Operatore scolastico con sintomatologia a casa

  • L'Operatore scolastico consulta il proprio Medico di Medicina Generale (MMG);
  • comunica all'Istituto l’assenza dal lavoro per motivi di salute, con certificato medico;
  • il MMG e il Referente Scolastico contattano l’Equipe Anti Covid-19 Scuola della ASL Roma 1;
  • l’Equipe si interfaccia con il Referente Scolastico e MMG, indicando la modalità di esecuzione eventuale dell'esame diagnostico e gestione contatti.
     

 

Normativa di riferimento chiudi dettagli apri dettagli

Decreti Legge

Ministero dell'Istruzione - Ministero dell'Università e della Ricerca (MIUR)

Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità (ISS), Comitato Tecnico Scientifico (CTS)

Regione Lazio

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.