Vaccinazioni Internazionali e Medicina dei Viaggi

I centri di vaccinazioni internazionali e medicina dei viaggi  autorizzati dal Ministero della Salute quali strutture sanitaria preposte alla prevenzione, alla diagnosi e cura delle malattie del viaggiatore, assolvendo agli obblighi della profilassi internazionale sull’intero territorio regionale, garantiscono un'attività di medicina del viaggiatore cosi articolata:

  • profilassi vaccinale: vaccinazioni di routine e specialistiche (anti-febbre gialla, anti-encefalite giapponese, anti-encefalite da zecche, anticolera  etc) 
  • rilascio del  certificato internazionale di avvenuta vaccinazione antifebbre gialla su apposito modello approvato dall’OMS
  • indicazioni sulla chemio-profilassi antimalarica
  • monitoraggio dei soggetti rientrati dal viaggio (diagnostica infettivologica post-viaggio)
  • informazioni e consigli ai cittadini  prima e dopo il viaggio sui principali rischi legati ai viaggi internazionali (rischi infettivi, ambientali, climatici, comportamentali) nonché alle agenzie di viaggi ed ai “tour operator”
  • informazione ai medici di medicina generale e ai pediatri di famiglia, presenti sul territorio, relativamente agli aspetti epidemiologici, clinici e terapeutici delle patologie da viaggio

Il bacino d'utenza é regionale.

 

 

Consulenze pre-viaggio chiudi dettagli apri dettagli

I viaggi internazionali per motivi di vacanza e di lavoro sono in crescita esponenziale, con conseguente aumento di consulenze pre-viaggio e di vaccini raccomandati per le varie destinazioni.
La tipologia dei viaggiatori è varia: turisti, vacanzieri “last minute”, lavoratori, anziani, bambini, malati, portatori di handicap, donne in gravidanza, ecc ognuno con problemi diversi e talvolta complessi che devono essere affrontati correttamente in ambito specialistico.
Vari dati suggeriscono che spesso i viaggiatori non richiedono un consiglio sanitario pre-viaggio e non sono sufficientemente sensibilizzati nei confronti delle vaccinazioni verso patologie che possono essere prevenute mediante le stesse.
Sinteticamente  si distinguono:

  • vaccinazioni richieste dagli stati: febbre gialla
  • vaccinazioni di routine: difterite, tetano, epatite B, morbillo, poliomielite
  • vaccinazioni raccomandate sulla base del rischio di contrarre l’infezione durante il viaggio: epatite A, influenza, encefalite giapponese, malattia meningococcica (sierogruppi A, B, C, W135 e Y di Neisseria Meningitidis), Rabbia, Febbre tifoide (Salmonella typhi); il rischio dipende in larga misura dal luogo di destinazione, dalla durata del soggiorno, nonchè dal profilo di rischio personale del viaggiatore.

È molto importante, in fase di consulenza pre-viaggio, fare una valutazione epidemiologica che tenga conto del viaggio programmato, del rischio di esposizione,  delle condizioni immunitarie di base del viaggiatore.
Persone che si muovano in regioni remote e per lunghi periodi di tempo, che tendano ad avere comportamenti avventurosi  (la partecipazione ad attività rischiose, il consumo di cibo da venditori ambulanti), hanno un rischio maggiore di contrarre infezioni; cosi pure  i viaggiatori che  non si sono garantiti una corretta immunizzazione prima della partenza. Da ricordare che esistono schemi vaccinali che si possono attuare in modo rapido  ed efficace  al fine di proteggere, almeno in una certa misura, i viaggiatori dell’ultima ora i “last minute”
La schedula di vaccinazione per viaggiatori è semplice e sicura; tutti i vaccini possono essere somministrati contemporaneamente e nella stessa seduta in sedi diverse senza interferenza nelle risposte anticorpali. Non vi sono controindicazioni alla somministrazione simultanea di vaccini diversi. Esistono schemi vaccinali che si possono attuare in modo rapido  ed efficace  al fine di proteggere, almeno in una certa misura, i viaggiatori dell’ultima ora, i “last minute”. Il piano delle vaccinazioni, in fase di consulenza pre-viaggio, deve tener conto dell’epidemiologia dei rischi infettivi, ambientali e climatici presenti nell’area di destinazione, della durata e del tipo di viaggio e dello stato di salute del viaggiatore. I vaccini vengono somministrati contemporaneamente; non vi sono interferenze nelle risposte anticorpali.

 

Protocolli vaccinali chiudi dettagli apri dettagli

Il protocollo vaccinale pre-viaggio  viene applicato in base alla area di destinazione tenendo conto delle numerose variabili accertate in fase di consulenza:

  • Africa Sub-sahariana vaccini antiamarillico, antiepatite A-B, antimeningite meningococcica, antipneumococcica, antitifico, antidifto-tetano-polio, eventualmente antirabbico pre-esposizione, anticolerico per os.
  • Cina, Subcontinente Indiano vaccini antiepatite A-B, antidifto-tetano-polio, antimeningite meningococcica, antipneumococcica, antinfluenzale nel periodo epidemico, antiencefalite giapponese (quest’ultimo in base al tempo di permanenza, alla stagione, alla visita in aree rurali, etc.), antirabbico pre-esposizione, anticolerico per os.
  • America Meridionale e Centrale vaccini antiepatite A-B antidifto-tetano-polio, antimeningite meningococcica,  antitifico, antiamarillico  (zone amazzoniche), anticolerico per os.
  • Sud Est Asiatico Oceania vaccini antiepatite A-B, antidifto-tetano-polio, antimeningite meningococcica, antipneumococcico, antiinfluenzale nel periodo epidemico, antiencefalite giapponese (quest’ultimo in base al tempo di permanenza, alla stagione, alla visita in aree rurali, etc.), antirabbico pre-esposizione, anticolerico per os.

Una ottimale pratica vaccinale consiste nella valutazione dello stato di salute della persona da vaccinare per escludere la presenza di eventuali controindicazioni.

La Malaria costituisce un grave problema che non riguarda solo i paesi in via di sviluppo, ma anche i viaggiatori occidentali che si recano nelle aree tropicali e subtropicali dove esiste il rischio di trasmissione del Plasmodio. Oggi è possibile prevenire quasi tutti i casi di malaria e di decesso ricorrendo a misure idonee per proteggersi dalle punture di zanzare ed ad una appropriata chemio-profilassi. Le misure comportamentali hanno particolare importanza e deve essere chiaro che nessun schema farmacologico è in grado di dare protezione completa. La scelta dei vari farmaci dipende dalla distribuzione e dall’intensità della trasmissione, dall’eventuale presenza di farmaco-resistenza e dalla durata del soggiorno nelle zone di endemia. Per ciascun luogo di destinazione sarà comunque necessario quantificare i rischi considerando l’itinerario prescelto per il viaggio e la stagione in cui questo viene effettuato. Il rischio di contrarre la malaria è estremamente variabile tra una regione e l’altra. Anche all’interno di un singolo paese Il rischio di contrarre la malaria è proporzionale alla durata del soggiorno. La crescente resistenza del plasmodio ai comuni antimalarici, combinata con il netto incremento dei viaggi internazionali portano ad una stima  di circa 50 milioni i viaggiatori occidentali a rischio di contrarre la malaria.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.