Qualità

Lo sviluppo di un sistema di gestione per la qualità rappresenta, nelle Aziende Sanitarie, una priorità ormai largamente condivisa poiché esso raffigura l’insieme delle attività aziendali che determinano la politica per la qualità, gli obiettivi e le responsabilità, traducendoli in pratica nell’ambito del sistema qualità, con strumenti quali la pianificazione, il controllo, l’assicurazione e il miglioramento della qualità.
L’area Qualità attiva, mantiene e sviluppa il Sistema Qualità Aziendale e i presupposti tecnici e metodologici per la sua implementazione attraverso attività di promozione, coordinamento, supporto e valutazione.
Il Sistema Qualità consente di migliorare continuamente l’assistenza adeguandola ai bisogni di salute della popolazione attraverso l’identificazione dinamica di standard di eccellenza che guidino l’agire organizzativo. In questo ambito supporta il governo aziendale nel processo di accreditamento e certificazione delle strutture aziendali e contribuisce ad accrescere la qualità dei servizi offerti.

Il Sistema gestione Qualità è strutturato in modo da garantire:

  • La gestione dei documenti: le modalità di gestione di tutta la documentazione del sistema aziendale di gestione per la qualità sono descritte nella procedura dedicata “Procedura generale gestione documenti” in cui vengono riportate l’iter di gestione.
  • I percorsi di certificazione secondo la norma ISO 9001:2015 che verranno attivati nella Asl Roma 1: ogni organizzazione sanitaria deve rendere conto ai propri utenti e alle parti interessate della qualità del servizio erogata e della propria capacità di rispondere in modo appropriato ai bisogni di salute dell’utente; lo standard ISO 9001:2015 è in questo senso, insieme all’accreditamento istituzionale, uno strumento organizzativo efficace per progettare sistemi di gestione integrati qualità, rischio e sicurezza, centrati sull’appropriatezza delle cure; infatti Il risk based thinking è l'approccio secondo cui la nuova norma affronta il concetto di rischio. Tale concetto è alla base di un cultura di prevenzione e miglioramento e richiede che l'Organizzazione pianifichi le azioni considerando i Rischi e le Opportunità determinate in relazione ai fattori interni ed esterni e alle parti interessate.

Il Risk Based Thinking agisce, nel SGQ, a tutti i livelli del processo di decisione: strategico, gestionale e operativo, e in particolare:

  • nella definizione del campo di applicazione del SGQ, a partire della comprensione del contesto e delle sue sollecitazioni attuali e potenziali, sull'organizzazione;
  • nella identificazione degli elementi da tenere sotto controllo, nell'ambito dei processi del SGQ;
  • nella determinazione del modo in cui tali elementi andranno tenuti sotto controllo (inclusa la determinazione dei supporti documentali, delle competenze, ecc.).

Nel SGQ sarà necessario:

  • determinare i rischi e le opportunità che è necessario affrontare per fornire assicurazione che il sistema di gestione possa conseguire gli esiti previsti, prevenire o ridurre gli effetti indesiderati;
  • conseguire il miglioramento continuo;
  • definire e mettere in pratica le azioni per affrontare questi rischi e opportunità e le modalità per integrare e attuare le azioni nei processi del proprio sistema di gestione e per valutare l’efficacia di tali azioni.

La norma presuppone che l’organizzazione adotti, nella gestione delle proprie attività e nei percorsi di autovalutazione ed analisi seguiti, un approccio per processi.
Nelle organizzazioni sanitarie il processo principale è il ragionamento clinico/assistenziale; l’approccio per processi che vede porre al centro dell’organizzazione sanitaria il paziente con i suoi bisogni null’altro è che quello che attualmente viene chiamato il “Governo Clinico”.
È la norma stessa che impone all’organizzazione di studiare, anche attraverso l’applicazioni di metodologie di Risk Assessment quali la FMEA (Failure Mode and Effects Analysis), i propri processi evidenziando le condizioni a rischio di generare danno e di agire per metterle in sicurezza.
Tutti quegli eventi che possono determinare danno al paziente e all’operatore diventano, in questa logica, le non conformità (NC) cardine del sistema, rispetto alle quali deve essere data evidenza del trattamento e dell’apertura di azioni correttive e preventive.

Elementi cardine del governo dei processi e norma ISO sono:

  • adeguata preparazione del personale impegnato in attività che influenzano la qualità del servizio/prodotto;
  • metodologie di lavoro idonee, Istruzioni e Protocolli professionali referenziati basati sull’evidenza;
  • materiali idonei;
  • monitoraggio continuo dei risultati;
  • atteggiamento attivo verso i problemi attraverso la prevenzione dell’insorgenza e la correzione delle cause.

L’applicazione della norma nel contesto specifico di un’organizzazione sanitaria rende necessaria, la stesura di procedure relative a particolari aspetti delle attività da lei condotte, in particolare si tratta di affrontare gli aspetti tecnico professionali con l’obiettivo di garantire un livello qualitativo di base delle prestazioni uniforme fra i diversi operatori e le diverse unità operative e rispondere a requisiti di appropriatezza ed aggiornamento.

Sono quindi da ritenersi necessari e parte integrante della documentazione del SGQ:

  • percorsi diagnostico terapeutici;
  • protocolli concordati fra le diverse professioni e riferimenti a linee guida;
  • istruzioni a carattere professionale.

 

 

Staff e Contatti chiudi dettagli apri dettagli

Risk Manager:  Dott.ssa Maddalena Quintili
Dott.ssa M.Vescia
PO Infermieristica: Dott.ssa Stefania Greghini
Sede: Via Ariosto 3/9
Tel +39 06 7730.7435
Fax +39 06 7730.6185
e-mail: rischioclinico@aslroma1.it

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.