Quaderni del SaMiFo

Da oltre 10 anni la ASL Roma 1 (prima come ASL Roma A) sostiene e valorizza il Centro di Salute per Migranti Forzati SaMiFo, nato nel 2006 dalla collaborazione con il Centro Astalli - Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati-JRS, per promuovere la tutela dei diritti e della salute dei migranti forzati e favorire il loro accesso ai servizi.
Tuttavia, il  SaMiFo non è solo un centro che fornisce assistenza sanitaria competente a una popolazione particolare ma anche un luogo generatore di una nuova conoscenza, sia perché adegua pratiche medico-sanitarie alle esigenze di popolazioni di differenti culture, sia perché stimola risposte a problematiche nuove, coinvolgendo altri campi e saperi come la sociologia e l’antropologia.
I Quaderni del SaMiFo nascono quindi per riflettere temi di particolare attualità nel nostro Paese, con l’arricchimento che viene dall’esperienza interna del Centro e con il contributo di autorevoli organismi internazionali che da tempo lavorano sul campo.
Il primo numero dei Quaderni è interamente dedicato alle donne migranti. Per una ASL, infatti, l’elevato numero di donne forzate pone l’esigenza di riflettere su come intervenire efficacemente sulla vulnerabilità psico-sanitaria dei richiedenti/titolari di protezione internazionale e di mettere in atto azioni e percorsi di tutela della salute di questa fascia della popolazione estremamente fragile, sia di prevenzione che di assistenza cura e riabilitazione.
 

Donne Migranti – n. 1 Quaderni del SaMiFo chiudi dettagli apri dettagli

Indice

Quaderni del SaMiFo, n. 1 Donne Migranti – VERSIONE COMPLETA

Copertina, indice e ringraziamenti 

A cura di
Giancarlo Santone

Comitato di redazione
Maurizio Bacigalupi, emanuela Limiti, Donatella Parisi, Sara Tarantino, Emilio Vercillo, Martino Volpatti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.