Osteoporosi

L'osteoporosi è una malattia sistemica dello scheletro, caratterizzata da una ridotta massa ossea e da un maggior deterioramento della microarchitettura del tessuto osseo.

L'osso è un tessuto vivo e grazie all'azione degli osteoblasti e degli osteoclasti, è in continua evoluzione. L'osteoporosi diventa una malattia quando si verifica una frattura in seguito a traumi di modesta entità. Le fratture più comuni sono quella del collo del femore, del polso e delle vertebre.

Con l'invecchiamento una lenta perdita di minerali dall'osso è normale, o meglio fa parte delle numerose modificazioni del nostro organismo. Se questa perdita è eccessiva e la massa ossea scende al disotto di determinati livelli, allora si può arrivare all'osteoporosi.
Un momento critico per le donne arriva con la menopausa, tanto più se precoce o chirurgica. Se consideriamo che le donne hanno in partenza una massa ossea minore rispetto agli uomini, aggiungiamo gli effetti della menopausa e la maggior durata della vita, ecco la prima spiegazione del perché l'osteoporosi colpisce soprattutto le donne: 1 donna su 4 contro 1 uomo su 10.

 

Osteoporosi primarie chiudi dettagli apri dettagli

Si suddividono in:

  • osteoporosi idiopatica (la forma più rara)
  • osteoporosi di tipo I o post-menopausale (dovuta alla caduta della produzione ormonale)
  • osteoporosi di tipo II o senile (dovuta a varie cause, tra cui immobilizzazione, ridotto apporto di somatotropina, testosterone, calcio, magnesio, vitamina D, vitamina K e altri importanti micronutrienti, ridotta funzione dell'enzima 1a-idrossilasi che produce l'ormone attivo della vitamina D (il calcitriolo).

Si manifestano principalmente nell'osso trabecolare, che è soggetto al maggior numero di fratture.

Osteoporosi secondarie chiudi dettagli apri dettagli

Le osteoporosi secondarie sono un gruppo ricco di varianti, ma costituiscono solo il 5% delle osteoporosi.
Le principali sono classificabili come causate da:

  • iperparatiroidismo
  • utilizzo di farmaci osteopenizzanti, come cortisonici (es.prednisone, betametasone, metilprednisolone, cortisonici inalatori es. beclometasone, fluticasone, flunisolide), antiepilettici (fenitoina, barbiturici, acido valproico), eparine, anticoagulanti orali (es. warfarin, acenocumarolo), diuretici dell'ansa (es. furosemide) e alcuni farmaci contro l'HIV
  • basso peso corporeo
  • immobilizzazione protratta
  • ipersurrenalismo (sindrome di Cushing)
  • ipercalciuria
  • BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva)
  • artrite reumatoide
  • sarcoidosi
  • celiachia
  • neoplasie maligne
  • ridotto assorbimento intestinale di nutrienti e vitamina D
  • ipogonadismo
  • malattia di Crohn
  • drepanocitosi (anemia falciforme)
  • emocromatosi ereditaria.
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.